INFORTUNI SUL LAVORO
MALASANITÁ
RISARCIMENTO DANNI GRAVI E MORTALI
SINISTRI STRADALI
ANATOCISMO BANCARIO E USURA

Usura e anatocismo bancario


Top Risarcimenti in stretta collaborazione con l'Associazione Nazionale Imprenditori & Consumatori offre la propria esperienza informativa disinteressata, indipendentemente dalla natura giuridica, patrimoniale o religiosa di colui che ne richieda l'assistenza.
 
La struttura si avvale del servizio “ DIRITTI & DIFESA “ offerto da un pool di esperti in Diritto Civile, Penale, Societario, e Bancario e offre una risposta chiara, sicura e onesta, affinchè il richiedente possa avvalersi di un servizio di autotutela costruito intorno alle proprie necessità.
 
A.N.I.&C. Nasce dalla collaborazione di un gruppo di professionisti che, ispirato dallo stile idealistico professionale, mettono al servizio dell'Assistito un ambiente di lavoro dinamico, flessibile e capace di risolvere le problematiche più comuni che spesso trovano risposte poco chiare e sempre meno efficaci nel mercato comune.
 
A.N.I&C., sin dalla sua costituzione, contrasta il sistema finanziario sempre meno trasparente e pieno di insidie, che ha giocato un ruolo importante nel declassamento dello stile di vita medio, rendendo sempre più poveri le persone meno abbienti e arricchendo a dismisura gli speculatori, creando un divario incolmabile fra le due categorie e mandando alla bancarotta anche attività che sembravano non poter mai fallire.
 
L'Associazione, supportata da sempre più numerose sentenze di merito, contrasta l'anatocismobancario e il tasso usura offrendo ai propri associati un controllo senza oneri e senza impegni, capace di evidenziare anomalie o potenziali violazioni lesive per il correntista.
 
Forti della nostra specializzazione offriamo a tutti coloro che vogliano effettuare un controllo sul proprio conto corrente, mutuo, finanziamento o leasing risposte chiare e precise sul comportamento adottato dal proprio istituto.
 
Inoltre l'Associazione Nazionale Imprenditori & Consumatori, non si occupa solo di diritto bancario e controllo anatocistico, ma grazie alla collaborazione con Società CONFIDI riconosciute, o gruppi associativi convenzionati, contribuisce nel reperimento di fondi agevolati, fondi derivanti dal FEI (Fondo Europeo Investimenti), fondi antiusura (se disponibili) e fido bancario per compravendita, per garanzie o a supporto di linee finanziarie.


Il concetto di Usura :

si definiscono soggetti ad usura i contratti, di qualsiasi tipo essi siano, relativi a prestiti con tassi di interesse non proporzionati alle circostanze del caso.

Nella realta’, la sopracitata definizione non e’ in grado di definire in modo certo e senza equivoci qual'e’ il momento in cui i tassi di interesse passano da “ tasso legale ” a “ interessi usurai “.
Lasciare che il mercato definisca in modo autonomo, contratto per contratto, i tassi di interesse, pone il seguente problema :
generalmente chi chiede prestiti e’ in uno stato di necessita’ e quindi si trova in una situazione di debolezza rispetto a chi, i prestiti, li concede. Perciò la trattativa è già viziata in partenza e più alto e’ il grado di fabbisogno, che spesso si associa a difficile solvibilità, più e’ alto il rischio del prestatore, che evidentemente, anche se in buona fede, chiederà interessi più alti a compensazione del rischio.
In molti paesi, tra cui il nostro, il tasso di usura e’ regolamentato e definito in maniera certa, anche se può variare nel tempo. Inoltre, applicare interessi usurai sui tassi , e’ un reato di rilevanza penale.
Ci potremmo aspettare che le banche o non elargiscano prestiti, nel caso in cui ritengano il richiedente inaffidabile, o gli elargiscano rispettando tassi di interesse al di sotto di quello di usura.
Questo, in molti casi e’ vero solamente in apparenza, in quanto il tasso che ci viene proposto e’ soltanto una parte di quello che effettivamente ci verrà applicato.
La legge dice che nel calcolo del tasso di interesse effettivo ( quello che ci interessa ) si deve tenere conto di qualsiasi “spesa aggiuntiva” la banca ci possa imputare relativamente al contratto sottoscritto.
Nella definizione di queste “spese aggiuntive” le banche hanno dimostrato nel tempo una eccezionale creativita’ e, quindi, non di rado quando andiamo a verificare il tasso effettivo e reale di interesse scopriamo che esso supera il tasso di usura definito per legge per quel periodo.
In alcuni casi la presenza dell’ usura e’ macroscopicamente visibile ,in altri , lo sforamento rispetto al tasso concesso e’ veramente limitato nel tempo e di scarsa entità.
Certo e’ che, se, chi ha redatto il contratto, avesse prestato maggiore attenzione e diligenza nel calcolo complessivo degli interessi richiesti, questa situazione non si sarebbe venuta a creare.

Oggi, pero’, con gli strumenti messi a punto dal legislatore siamo in grado di darvi l'assistenza necessaria.

Poichè il calcolo interessi usura ed il suo recupero non è una cosa semplice, consigliamo di affidarsi ad un’assistenza legale specializzata come la nostra, per recuperare quanto non dovuto eppure preteso dalla vostra banca.

Per il recupero degli interessi usurari e per maggiori informazioni sull’argomento contattaci.

 

Un'opportunità per le aziende, i vostri vecchi estratti conto bancari che avete conservato, potrebbero valere una fortuna . Non buttateli via !

RICHIEDI SUBITO UNA PREANALISI GRATUITA!!

Cosa è l’ Anatocismo Bancario (applicabile su C/C, Leasing, Derivati )

Il fenomeno dell’anatocismo bancario è quella pratica in virtù della quale il calcolo interessi viene sommato al capitale prestato, che dunque aumenta costituendo la base per il conteggio di nuovi interessi. In breve, l’anatocismo può essere definito come l’applicazione degli interessi sugli interessi. Fino al 1999 gli interessi a debito su un conto corrente venivano addebitati trimestralmente, mentre quelli a credito addebitati annualmente, cioè al 31/12 di ogni anno. Ciò significa che nella successiva chiusura trimestrale, i nuovi interessi sono stati calcolati non solo sul capitale prestato ma anche sugli interessi precedentemente contabilizzati.

In altre parole, gli interessi passivi vengono dalla Banca conteggiati ogni trimestre, esposti come “voce” nell’estratto conto, per finire sommati al saldo debitore finale.

Non è difficile immaginare come, grazie a questa pratica, il debito dei correntisti nei confronti degli istituti bancari sia aumentato vertiginosamente.
Risultato finale : il cliente ha per decenni pagato un interesse di gran lunga maggiore rispetto a quello effettivamente dovuto o tasso interesse legale.

Possibilità di recuperare altre indebite competenze


Gli interessi anatocistici sono solo uno degli addebiti illegittimi che le banche hanno sistematicamente applicato sui conti correnti bancari. Ci sono, ad esempio, le commissioni di massimo scoperto che sono altrettanto illegittime e che spesso comportano addebiti molto consistenti, come pure competenze, commissioni, provvigioni e spese varie, del pari illegittimamente applicate dalla banca in mancanza di espresse pattuizioni e perciò tutte non dovute.

Per non parlare, poi, degli interessi usurai.

Legge 108/96 prevede all’art. 1 che :

per la determinazione del tasso di interesse usurario si tiene conto delle commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese, escluse quelle per imposte e tasse, collegate alla erogazione del credito …

All’art. 2 si legge :

Il Ministro del tesoro, sentiti la Banca d’Italia e l’Ufficio italiano dei cambi, rileva trimestralmente il tasso effettivo globale medio, comprensivo di commissioni, di remunerazioni a qualsiasi titolo e spese, escluse quelle per imposte e tasse, riferito ad anno, degli interessi praticati dalle banche e dagli intermediari finanziari …

Come evidenziato, per i rapporti instaurati in epoca anteriore all’entrata in vigore del citato decreto Sviluppo del governo Berlusconi, n.70 del 13-5-2011, convertito nella Legge n.106 del 12-7-2011, il criterio di individuazione del tasso soglia usura resta quello di cui alla Legge n.108/96, per cui il tasso soglia usura si individua aumentando del 50% il tasso fissato trimestralmente, con Decreti Ministeriali, per ogni singola categoria di operazione creditizia.

Ricalcolo dei saldi e ricapitalizzazione

Preliminare all’azione di restituzione è la ricostruzione dell’esatto bilancio del conto corrente bancario. In buona sostanza occorre procedere al ricalcolo di tutte le competenze dall’inizio del rapporto, eliminando il costo derivante dalla illegittima capitalizzazione trimestrale degli interessi debitori, nonché da commissioni, spese ed altre indebite competenze.
Trattandosi di conti correnti aperti prima del 22.4.2000 il periodo di ricalcolo è piuttosto lungo e porta per questo al recupero di notevoli somme di denaro.

CONCLUSIONI

L’anatocismo bancario ha fatto si che le banche abbiano per decenni incassato, illegittimamente, interessi debitori non dovuti e per giunta capitalizzati trimestralmente.
Il riconoscimento della illegittimità di una tale pratica non ha però fatto scattare alcuna forma automatica di rimborso in favore dei correntisti.
L’unico modo per recuperare interessi, commissioni, competenze, provvigioni e spese varie indebitamente addebitati e’ quello di avviare una causa civile contro la banca, previo esperimento di un tentativo di mediazione e conciliazione, con la banca stessa, ai sensi e per gli effetti del D.Lgs. n. 28/2010.

Concludiamo ribadendo che riuscire ad essere risarciti dalla banche può consentire di disporre di grosse ed inaspettate cifre, il che può servire a fornire a qualunque azienda non solo l’opportunità di rimettersi sul mercato, ma anche dei mezzi per espandere il proprio business e/o fare ulteriori investimenti, mentre per un Ente Pubblico può significare risanamento del bilancio e disposizione d iulteriori risorse utilizzabili.

 


CONTATTACI PER UNA PREANALISI GRATUITA!!

REQUISITI per la pratica di anatocismo

- Conto Corrente aperto entro il 21 Aprile 2000 (più è vecchio meglio è)
- Conto Corrente attivo o non deve essere stato chiuso da oltre 10 anni
- Devono essere o essere stati Conti Correnti prevalentemente in rosso (visto che l'anatocismo viene applicato su interessi passivi)


DOCUMENTAZIONE RICHIESTA

Conto Corrente Ordinario :

- Contratto di apertura Conto
- Estratto Conto bancario trimestrale in formato cartaceo
- Estratto Conto Scalare completo
- Tutte le lettere di comunicazione della banca

Linee di credito C/C ( Fido, Castelletto, SBF, Anticipo Fatture etc.)

- Contratto di apertura
- Applicazione con successive modifiche
- Giustificazione per chiusura o Decurtazione

Mutuo
- Contratto di sottoscrizione + Piano di Ammortamento iniziale
- Contratto di assicurazione
- Piano di Ammortamento aggiornato al mese Precedente
- Ricevuta di ogni singola rata con specifiche

Finanziamento , Leasing , Fidejussione
- Contratto di sottoscrizione + Piano di Ammortamento
- Contratto di assicurazione
- Piano di Ammortamento aggiornato al mese Precedente
- Ricevuta di ogni singola rata con specifiche


Contatti

TOP Risarcimenti
presso  BTWM & Partners
Galleria San Babila, 4/C
20122 Milano
Tel.: 800 034 593
studio@toprisarcimenti.it

Partners

Follow us

Chiama subito

TOP Risarcimenti

TOP RISARCIMENTI di Cristiano Boscolo partita IVA 03030730273 - Privacy Policy

The Best United Kingdom Bookmaker lbetting.co.uk Ladbrokes website review

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.